Reichstag, Berlino - ArTeSalVa

ArTeSalVa | Navigazione principale

  • immagine
  • immagine
  • immagine
  • immagine
  • immagine
  • immagine
  • immagine


Fai click sulle immagini per vedere la galleria a schermo intero.


Sei in: Ricerca » Riusi

Reichstag, Berlino

riuso amministrativo

Nel 1884 l’architetto Paul Wallot vinse il concorso per la realizzazione dell’edificio destinato ad ospitare il parlamento del Reich tedesco. La costruzione fu progettata utilizzando un vocabolario architettonico di ispirazione classica e rinascimentale ed era sormontata da una cupola in vetro e acciaio, un elemento di grande novità anche da un punto di vista tecnico. Nel 1933 un incendio distrusse la sala delle riunioni plenarie. Durante la seconda guerra mondiale, l’edificio fu utilizzato per scopi propagandistici e militari; nel 1945 fu bombardato e conquistato dall’Armata Rossa.

Nel 1954, abbandonata la struttura da anni, fu necessario demolire la cupola. Qualche anno più tardi, nel 1961, l’architetto Paul Baumgarten vinse il concorso per restaurare l’edificio che avrebbe dovuto ospitare il parlamento di Berlino Ovest. Alcuni ambienti furono utilizzati come spazi espositivi.

Dopo la caduta del muro, il parlamento della nuova repubblica fu trasferito a Berlino e si decise quindi di restaurare il Reichstag. Fu indetto un nuovo concorso per il restauro dell’edificio, vinto dall’architetto inglese sir Norman Foster.

Durante i lavori, il palazzo fu completamente svuotato lasciando intatte solo le mura esterne. Nel 1995 l’idea di coprire l’edificio con un grande baldacchino suscitò grandi controversie, tanto che il Parlamento decise di bloccarne il proseguimento e approvò una soluzione diversa, più conservatrice, che prevedeva la ricostruzione in chiave moderna della cupola originale.

La cupola, divenuta in breve tempo un elemento distintivo dello skyline berlinese, richiama la cupola originaria nei materiali ma non nella forma. Inoltre è stata costruita secondo i principi del risparmio energetico: riflette e ottimizza la luce naturale, controlla la penetrazione del calore, ha pannelli solari per la ventilazione dell’area, utilizza olio vegetale per l’elettricità.

Sul sito di Foster and Partners, sono disponibili maggiori informazioni di carattere tecnico, modelli, progetti, fotografie. Vedi http://www.fosterandpartners.com/projects/reichstag-new-german-parliament/

Luogo: Berlino, Germania

Denominazione: Reichstag

Usi passati: politico (parlamento del Reich, sede del parlamento di Berlino Ovest e spazio espositivo)

Uso presente: politico (parlamento della Repubblica Federale della Germania)

Committente: Bundesrepublik Deutschland

Data progetto: 1992-1999

Progettisti: Foster and Partners

Link: www.bundestag.de

Interesse rispetto al progetto ArTeSalVa: Il Reichstag è un'interessante realtà di riuso di un edificio a carattere amministrativo che non ha cambiato la funzione originaria, ma ha subito modifiche agli spazi storici per rispondere alle esigenze moderne con adeguamenti finalizzati anche ad un basso impatto ambientale. Questo caso invita a riflettere sulle potenzialità del riuso degli edifici storici come fattore di sviluppo sostenibile e ambientale. Scelte architettoniche di grande qualità e di basso impatto ambientale hanno anche un forte risvolto in termini di visibilità e attrattività turistica.