Sant'Orsola a Firenze - ArTeSalVa

ArTeSalVa | Navigazione principale

  • immagine


Fai click sulle immagini per vedere la galleria a schermo intero.


Sei in: Progetto » News

Sant'Orsola a Firenze

Un bando internazionale per salvare il complesso

Costruito nel XIV secolo come monastero bendettino nel cuore della città, ristrutturato nel XVI secolo, soppresso nel 1808, il complesso storico di Sant'Orsola fu trasformato nel 1810 in una manifattura per tabacchi. Tra il 1945 e il 1968 i locali furono utilizzati per ospitare sfrattati e abbandonati. Nel 1975 l'Opera Universitaria ottenne in concessione dal Demanio dello Stato il complesso e ne avviò il restauro nel 1979. I lavori non vennero portati a termine e il complesso tornò nuovamente in mano al Demanio. Tra il 1985 e il 1990 il Demanio approvò un progetto per trasformare il complesso in caserma per la finanza, ma anche questa volta i lavori non vennero conclusi. Lo stabile è rimasto abbandonato fino al 2007 quando è stato firmato un protocollo di intesa tra la Provincia di Firenze, il Ministero delle Finanze, l'Agenzia del Demanio, la Regione Toscana e il Comune di Firenze. Nel 2009 per il complesso, acquistato dalla Provincia di Firenze, sono state individuate nuove funzioni: servizi, spazi politici, spazi culturali. Anche questo progetto è fallito.

Nel novembre 2013 l'artista ceco Vaclav Pisvejc ha tappezzato l'intero complesso di dollari e l'ha trasformato in una grande installazione contemporanea. Lo scopo? Riportare l'attenzione sullo stabile per sollecitarne il recupero da parte di privati e al tempo stesso far riflettere sullo spreco di denaro pubblico.

La Provincia di Firenze ha pubblicato in questi giorni un bando internazionale per la concessione di valorizzazione del complesso. Che sia la volta buona?

Vedi il bando: Avviso di concessione Sant'Orsola